Il pioniere austriaco Wilhelm Anger, produttore di occhiali con la sua azienda ‘Wilhelm Anger Werker’, sceglie di ribattezzare l’impresa ispirandosi alla Carrera Panamericana.

Questa corsa su strada aperta si svolge in Messico nei primi anni ’50 ed è ampiamente considerata come una delle più temibili gare automobilistiche del mondo.
Lunga più di 2000 miglia, nonostante i rischi che comporta esercita un’attrattiva irresistibile per piloti e gli appassionati di auto di tutte le nazionalità.
Sono proprio l’adrenalina, la grande passione e la voglia di sfidare i limiti che caratterizzano la Panamericana ad ispirare Anger nel 1956 e a rappresentare i tratti distintivi del marchio Carrera ancora oggi.

Sfidare i propri limiti è da sempre nella natura dello sport.
Carrera è protagonista nell’arena degli sport invernali con caschi e maschere da sci che offrono un innovativo livello di protezione per gli atleti.
Allo stesso tempo, il loro design innovativo diventa immediatamente un’icona riconoscibile a livello internazionale e in brevissimo tempo le maschere e i caschi da sci Carrera ottengono richieste e prenotazioni dagli atleti di tutti i Paesi.

La comune passione per il design, l’orientamento alla performance, la capacità di fondere assieme stile e tecnologia. Questi sono solo alcuni dei fattori, insieme alla grande amicizia tra i due fondatori Wilhelm Anger e Ferdinand Porsche, che portano Porsche Design e Carrera a iniziare una fruttuosa collaborazione nel 1976.
La collaborazione porta all’ingresso di Porsche Design nel mondo dell’occhialeria, con una collezione di occhiali by Carrera che ancora oggi sono considerati icone di stile.
Nasce così il modello Carrera Porsche Design 5620.
Il design avveniristico della maschera provoca forte scalpore, misto a grande interesse.
Il suo successo è immediato e il modello viene subito scelto e sfoggiato da rockstar di fama stellare, diventando un simbolo di audacia e ricercatezza allo stesso tempo.